Un dialogo tra arte, design e cultura milanese

Tempo di lettura: minuti

Marazzi Milano Vetrina main
“The Green & Blue Room”, progetto di ACPV ARCHITECTS per Marazzi, dall’1 al 5 marzo si trasforma in una Wunderkammer con le opere di Tadini e Squatriti.

In occasione di Milano Museo City, dal 1 al 5 marzo, Marazzi accoglie nei propri spazi a Milano, in Via Borgogna, le opere di due importanti realtà culturali milanesi del network di MuseoCity: Casa Museo Spazio Tadini e l’Archivio Fausta Squatriti.

Questo particolarissimo Cabinet des curiosités, ricreato all’interno della raffinata sala da tè di Marazzi – un ambiente intimo e accogliente, dalle linee eleganti e caratterizzato da una palette cromatica dai toni morbidi, progetto di ACPV Architects – è dedicato al periodo degli anni ‘60 in poi, in un sapiente dialogo tra il mondo dell’arte e del design. Qui i visitatori potranno scoprire libri d’artista, piccole sculture, multipli di grandi artisti quali Getulio Alviani, Mercedes Pardo, Man Ray, Fausta Squatriti, Joe Tylson e molti altri, intervallate dalle splendide sculture di Emilio Tadini. Si tratta di opere estremamente ricercate e inusuali che nascono dalla produzione e dalla collezione dei due maestri, Emilio Tadini e Squatriti, nonché dall’esperienza di quest’ultima come editore d’arte.


Come Marazzi nel suo spazio espositivo mette in dialogo materiali e colori, ceramiche della tradizione e gres high tech, così i due artisti offrono una panoramica sull’universo creativo della città di Milano che, dagli anni ‘60 in poi, ha messo in relazione intellettuali, artisti, poeti, scrittori e filosofi, pensiero artistico e produzioni industriali.