Un progetto misurato

Tempo di lettura: minuti

Un progetto misurato
Il grès fine porcellanato colorato in massa riveste tavoli e bancone e conferisce continuità allo spazio con volte a botte, rovere e sedute di design. Scopri di più!

L’intervento di ristrutturazione di Antonio Loiodice, a Trani, incarna quella rottura degli schemi tradizionali che a lungo hanno ingabbiato i luoghi destinati a una ristorazione prevalentemente “veloce” quali bar e pizzerie. Nel layout della storica Pizzeria Bovio – 90 mq su un unico livello – lo spazio è stato svuotato, ripristinato tramite idro-pulizia, pitturato e riorganizzato: “Il progetto nasce dall'idea di dare un nuovo volto ad un locale dalla vita quasi centenaria – racconta il progettista – Toccare questi luoghi è connettersi alla vita delle persone che qui hanno vissuto e lavorato in tutti questi anni”.

Entrando, si è colpiti dal senso di pulizia e di leggerezza: arredo minimalista, alte e bianche volte a botte di tufo – la pietra locale – in contrasto con serramenti, lampade, sedute e accessori di design, tutti scelti nel rigoroso colore nero opaco. Inseriti in una struttura rispettosa della tradizione, gli elementi di servizio – indispensabili in un locale pubblico ­– assumono così un particolare carattere espressivo.

“La tradizione delle mani ‘pastaie’ e la bellezza del tufo pugliese doveva incontrare l'innovazione a qualunque costo – continua Loiodice – Per questo il progetto si è basato sull'attore principale del locale, il bancone, che doveva rispettare i canoni di bellezza, pulizia ed eleganza ma, allo stesso tempo, non doveva cancellare la storia”. Posto all’entrata, rivestito dalle grandi lastre effetto marmo The Top Marble Look Capraia Book Match, il grès fine porcellanato colorato in massa (160×320 cm, spessore 6 mm) ottenuto con le più innovative e sofisticate tecnologie digitali di Marazzi, questo elemento – su cui poggiano, quasi a decoro, le belle bacheche di vetro temperato per l’esposizione dei cibi – si impone come presenza monolitica centrale, destinato alla lavorazione a vista e alla vendita all’asporto.

“Le grandi lastre di Capraia caratterizzano i tavoli e il bancone che, con la sua verace anima marmorea, ha reso questo luogo una scatola piena di racconti e sapori che rispettano la tradizione e il design contemporaneo, affinché chiunque attraversi questo luogo continui a sentirsi a casa.” L’atmosfera è piacevole, grazie anche all’utilizzo di materiali caldi come le maioliche a parete e il legno di rovere naturale delle armadiature e delle boiserie, una delle quali, posta di fronte al bancone, regge il piano a sbalzo destinato a un veloce consumo del cibo. Il locale, di superficie irregolare, si stringe poi addentrandosi in profondità in una piccola sala arredata da due brevi file di tavolini i cui piani sono realizzati con lo stesso The  Top Marble Look Capraia Book Match, conservando così, grazie al sobrio utilizzo dei materiali e dei colori, una composta continuità.

Foto Aldo Dith